La connessione più stabile

stefaniaLo hanno atteso tutta la notte. Stamattina Papa Francesco è tornato ad infiammare il cuore del milione e seicentomila giovani (la stima è degli organizzatori) presenti a Campus Misericordiae. Prima delle nove, in anticipo sul programma, era già a benedire una delle due opere segno che rimarranno come eredità della Gmg per la diocesi di Cracovia: una casa diurna per anziani. Poi ha visto di nuovo levarsi quelle stesse mani che durante la veglia si erano strette a formare ponti di fraternità. Un lungo giro tra i giovani in festa lo ha portato di nuovo fino al palco.

Come è stato per Zaccheo, ha detto il Papa nell’omelia, l’incontro con Gesù può cambiare la vita di ciascuno di noi, ma come lui dobbiamo affrontare tre ostacoli.

Il primo ostacolo, ha detto Francesco, è quello del “non accettarsi, vivere scontenti e pensare in negativo, mentre Dio ci ama così come siamo, e nessun peccato, difetto o sbaglio gli farà cambiare idea. Egli  fa sempre il tifo per noi come il più irriducibile dei tifosi, perché siamo sempre i suoi figli amati”.

Il secondo ostacolo sulla via dell’incontro con Gesù è la vergogna paralizzante. “Davanti a Gesù – ha continuato – non si può rimanere seduti in attesa con le braccia conserte”, ma occorre  “mettersi in gioco, perché la vita non va chiusa in un cassetto: non lasciatevi anestetizzare l’anima, ma puntate al traguardo dell’amore bello, che richiede anche la rinuncia, e un no forte al doping del successo ad ogni costo e alla droga del pensare solo a sé e ai propri comodi”.

Il terzo ostacolo, di Zaccheo e nostro, è quello della folla mormorante: “potranno ridere di voi, perché credete nella forza mite e umile della misericordia. Non abbiate timore, ma pensate alle parole di questi giorni: Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.

“Non fermatevi alla superficie delle cose e diffidate delle liturgie mondane dell’apparire, dal maquillage dell’anima per sembrare migliori”. Poi, con un linguaggio ben comprensibile ai giovani, si è raccomandato di installare “bene la connessione più stabile, quella di un cuore che vede e trasmette il bene senza stancarsi”.

“Potranno giudicarvi dei sognatori, – ha insistito – perché credete in una nuova umanità. Non scoraggiatevi: col vostro sorriso e con le vostre braccia aperte voi predicate speranza e siete una benedizione per l’unica famiglia umana”.

La Gmg, ha concluso Francesco, comincia oggi e continua domani, a casa, perché è lì che Gesù vuole incontrarti d’ora in poi. La memoria di Dio “non è un disco rigido che registra e archivia tutti i nostri dati, ma un cuore tenero di compassione. Il suo Vangelo sia il tuo navigatore sulle strade della vita!”

 

Il testo dell’omelia

 

Guarda anche

22 febbraio 2017
XV Convegno nazionale di Pastorale Giovanile
...
Leggi tutto
22 febbraio 2017
XV Convegno nazionale di pastorale giovanile
...
Leggi tutto
21 febbraio 2017
XV Convegno nazionale di pastorale giovanile
...
Leggi tutto
21 febbraio 2017
XV Convegno nazionale di pastorale giovanile
...
Leggi tutto

GMG 2016

Iscrizioni

Con il primo click di Papa Francesco, il sistema di iscrizione - creato in collaborazione con il Pontificio Consiglio dei Laici e la Conferenza Episcopale Italiana - ha aperto i battenti. Qui trovate tutte le informazioni su pacchetti e costi.

Leggi tutto

GMG 2016

La prossima GMG è alle porte: l’appuntamento è a Cracovia dal 25 al 31 luglio 2016. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della Gioventù è racchiuso nelle parole “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5,7).

Leggi tutto

Sussidi

La GMG non è solo un evento da vivere in loco, ma l’occasione di camminare insieme e, lungo questo cammino, riflettere su quello che ci aspetta, su quanto vedremo e toccheremo con mano e su ciò che ci porteremo a casa una volta tornati.

Leggi tutto